Il Tempo è quella frazione di eternità in cui passato e presente si mischiano al futuro. Così capita che un bambino giochi a palla contro il muro di Berlino. Perché il gioco, solo il gioco, può farlo crollare.

Capita anche che negli occhi

di quel bambino tu possa incontrare te stesso

come sei oggi, seduto

sopra le rovine

delle tue origini.

Capita che da lassù tu possa vedere come sarai

fra cento anni e

con quale paura guarderai

te stesso bambino giocare a palla con la vita.

 

 

 

 

             

    Il Tempo (1983), olio su tela cm 320x220