Le esequie della Luna (2002), olio su tela, trittico, cm 240x120 

Il presente Ŕ rappresentato da un passato cristallizzato in immobili figure che in  maniera inquietante scrutano lo spettatore con lo sguardo perso nel nulla. Un nulla sul quale domina una luna che fa da sentinella alla morte incombente.  

 

  

 

 

  

 

 

 

 

 

L'opera Ŕ ispirata a "L'esequie della luna" di Lucio Piccolo, una specie di narrazione fantastica, volutamente barocca e ingenuamente romantica, a cui si Ŕ, a sua volta, ispirato Vincenzo Consolo per "Lunaria" (vedi Lunaria di Canna˛).

 

 

...Non essendo venuta, dopo lunga attesa, alcuna disposizione concernente il seppellimento della luna, da parte dell'alta AutoritÓ (riflessa)... decisero che i frammenti lunari in quel recipiente di cui s'Ŕ giÓ detto e che questa volta chiameremo Urna, trovassero sepoltura vicino a quella Fontana della Nocera di cui parlammo, ai margini quasi di essa...