Nell’opera di Cannaò,
pittura, teatro, poesia e incisione
sono strettamente legati
e vivono di continui rimandi.
Di conseguenza
critici
(
Amedeo Anelli, Bruno Corà, Rossana Bossaglia),

artisti (Giorgio Bocassi),

intellettuali (Alberto Cavicchi, Marco Dentici),
poeti (Gianluigi Falabrino, Guido Oldani e Michele Passalacqua),

che si sono occupati del

suo lavoro, nella loro analisi
sono partiti proprio da questo intreccio
per approfondire tensioni
e intenzioni dell’artista.   

                                                                                                                                       

                                                                                                                                    english

                                                                                                                                    français