1994: Il libero Paese della Croce del Sud
Nel 1994 allo Studio La Credenza Canna˛, insieme ad amici artisti e intellettuali, fonda il "Libero Paese della Croce del Sud". Urge assumere forti e marcate posizioni culturali laddove si sente parlare di "nuova repubblica" e di "nuovo che avanza" ma si adoperano sempre gli stessi metodi. Nel mondo dell'Arte, fatte alcune eccezioni come Nanni Moretti, Leo De Berardinis, Enzo Moscato, Marco Martinelli ed altri pervicacemente impegnati in prima persona, i giochi non cambiano, quasi tutto Ŕ asservito al "mercato" governato da "grandi fratelli" potentissimi.
Nasce cosý l'idea di staccarsi definitivamente dalla nazione, anzi dall'idea stessa di nazione: mutuando lo spirito dagli storici atteggiamenti del surrealismo e della patafisica, viene fondato in data 16 aprile 1994 il "Libero Paese della Croce del Sud" che ha una sua carta costituzionale, una bandiera e una moneta, la Zanclea...
Da questo momento si tratterÓ di costituire libere ambasciate, costruire Viali del Sorriso, Monumenti all'Utopia, Parchi degli Incontri, Vicoli della Poesia, Strade del Teatro... per proteggere il diritto di sognare e costruire castelli in aria che durano nei secoli.
Si tratta ovviamente di una provocazione artistica che, in prima battuta, produrrÓ l'opera teatrale scritta da Michele Canna˛ e Nuccia Cesare, "La Croce del Sud".

L'Antibiscione, terracotta (1994). L'antidoto al serpente che ingoia la bambina (simbolo visconteo della cittÓ di Milano) Ŕ rappresentato da una bambina che strozza il serpente tenendo un fiore in bocca.

La Zanclea Ŕ la moneta ufficiale del Libero Paese della Croce del Sud. Al cambio ufficiale, la Zanclea vale sempre uno: un dollaro, un marco, una lira, un abbraccio, una stretta di mano, un bacio, un sorriso...

       indietro         home

 

Zanclea (1994),  moneta-scultura coniata in 100 esemplari